Come essere autentica e coraggiosa nella tua comunicazione

Come essere autentica e coraggiosa nella tua comunicazione

Come faccio ad essere autentica?
Cosa posso dire e cosa no?
Di cosa parlo sui social e sul blog?

Queste sono le domande che le mie clienti mi rivolgono più spesso.
Per me la risposta è racchiusa in queste tre parole: autenticità, coraggio, pianificazione.

Ma cosa significa essere autentici in rete?

Non vuol dire interpretare una personalità rigida, parlare come da manuale o seguire un modello, snaturarsi per inseguire un ideale di noi stessi.

Per essere autentica parti dal conoscerti, individua i tuoi valori chiave e il perché hai scelto proprio quel lavoro, cosa ci metti tu e cosa vuoi comunicare.
Significa anche cominciare ad accogliere tutte le parti di te, quelle in luce e quelle in ombra.

Allinearti e comprendere come la tua visione fa parte di te e di come vuoi portare i valori in cui credi nel tuo lavoro è un passaggio essenziale per comunicare con autenticità in rete.

Essere autentici significa sentirsi a proprio agio nel parlare, conoscere i propri punti di forza e di debolezza ed esprimerli nel raccontarsi anche con le proprie difficoltà e caratteristiche uniche.

Essere te stessa con le tue idee e con originalità, tenendo sempre al centro il cliente e quindi i contenuti utili a chi sta leggendo. L’equilibrio sta proprio nel raccontare quello che la vita ti ispira e diventa metafora del tuo lavoro, con stile e la tua personale visione.

Autenticità significa anche essere coerente tra quello che sei dal vivo, offline e come ti presenti online. Se c’è troppo distacco tra la realtà e la rete sarai percepita come costruita e a lungo termine sarà difficile interpretare una parte, ricordati che tu sei una persona con molte sfaccettature diverse e chi ti conosce nel mondo virtuale deve poterti ritrovare in quello reale riconoscendoti.

Parti chiedendoti come ti rapporti con i clienti dal vivo, osservando le tue particolarità, stranezze o segni distintivi, quelli per cui gli altri ti riconoscono al volo e per cui esclamerebbero “Questa è sicuramente lei! E’ opera sua!”
Qual è la tua firma distintiva nella vita di tutti i giorni? Nel lavoro?

Il consiglio

Puoi essere arrabbiata e attraversare un periodo difficile, ma è meglio non concentrare la comunicazione su lamentele sterili, se quello che ti accade può essere d’ispirazione per altri condividilo e fallo diventare una metafora per migliorarsi, per imparare qualcosa, ma chiediti sempre se ha senso condividere uno sfogo personale, è utile a chi legge? Cerca di avere rispetto della tua privacy e non raccontare tutto quello che succede nella tua vita, se stai comunicando per far conoscere il tuo lavoro non si tratta di un diario personale. Infine ti consiglio di ascoltare come ti fa sentire comunicare in un modo piuttosto che in un altro. Dove ti senti più a tuo agio?

Trova il coraggio di essere chi sei

L’autenticità si esprime anche con un’altra parola importante: il coraggio.

Questo è un punto, per me, rilevante perché mi piace aiutare le persone a uscire dagli schemi imposti dall’esterno e che limitano le proprie potenzialità. Nelle mie consulenze diventa una chiave dell’esplorazione di sé, alla ricerca del proprio sentire con libertà e accettazione.

Nei miei percorsi arriva un momento in cui le persone si rendono conto del loro potenziale inespresso, spesso si accorgono di non essersi autorizzate a essere chi sono davvero, a creare il proprio lavoro proprio come lo vogliono, a comunicare sentendosi liberi di essere sé stesse.

Ed è in quel momento che viene fuori il coraggio. Il coraggio di realizzare chi sei davvero.
E il coraggio si lega alla comunicazione, ogni volta che decidi di non inseguire le mode, o le idee di qualcun altro, di non usare il social dove sono tutti, ma imparare quello che fa per te, che funziona con i tuoi clienti. Nell’impostare la tua linea di pensiero, di comunicazione, di lavoro.

Coraggio nel contestare quello che non senti, di dissociarti da pareri che non ti appartengono e scegliere la tua direzione.

Più ci si allinea al proprio sentire più si diventa coraggiosi, si osa e in questo modo si diventa distinguibili e originali nella comunicazione.

E coraggio fa rima con originalità.

Per essere originale chiediti sempre “C’è un altro modo, che mi rappresenti, per fare quello che sto facendo? Posso personalizzarlo?”

I miei consigli

  • Allenati a esprimere opinioni, a scegliere cosa ti piace e cosa no, impara a dire no a cosa non ti appartiene.
  • Abbi il coraggio di cambiare come professionista, sperimenta nuovi modi, nuovi approcci, nuove prospettive: questa è una delle sfide nel vivere il proprio business.
  • Osserva, prendi spunto ma poi concentrati sulla tua unicità.
  • Cerca la tua originalità, quando trovi un’idea nuova appuntala e ascolta come ti fa sentire, osa e senti dove vorresti sperimentare.
  • Non seguire le mode e non prendere per vero e assoluto quello che viene provato da altri, ogni cosa va contestualizzata e testata sul tuo business
  • Non puoi piacere a tutti, è solo fatica sprecata, quindi anche se sei timida o hai paura trova il coraggio di dire la tua, pensa a quante persone potrai essere utile e quante ti prenderanno come ispirazione per provarci.

Pianifica per superare la mancanza di idee e sapere sempre di cosa parlare

Ma è possibile conciliare l’autenticità e il coraggio nel comunicarsi con la pianificazione? Non si perde in spontaneità?

Altre domande che ho ricevuto e sulle quali ho letto diverse riflessioni.

Intanto bisogna chiarire che per essere autentica non occorre trovare idee originali e uniche ogni giorno, né che che tu scriva solo quando hai in mente l’ispirazione geniale.

L’importante è fermare queste idee, è prendere spunto e farti ispirare dalla vita. Quindi appuntati sempre le idee che ti vengono in mente, portati un quaderno, un’agenda, un supporto digitale e abituati a fermare l’ispirazione quando arriva, segnati anche episodi di vita che ti hanno insegnato qualcosa, allenati a fare un check su quello che ti è successo negli ultimi tempi, c’è qualcosa di interessante che puoi raccontare?

Cerca metafore tra la tua vita, le passioni e la tua professione.
L’autenticità passa attraverso le emozioni e le storie vere:
Racconta storie della tua vita, anche fallimenti e difficoltà, condividi i progressi ma soprattutto senti quello che vuoi davvero dire.

Ma allora a cosa serve pianificare?
La tua comunicazione non può essere costituita solo da ispirazioni, emozioni e racconti, deve essere un mix equilibrato di educazione e informazione, intrattenimento e promozione.

Siamo qui (anche) per vendere giusto?
Pianificare ti aiuta ad avere sempre contenuti in linea con i tuoi obiettivi, di prevedere le attività legate ai lanci o agli eventi più importanti per te e dai quali ti aspetti di guadagnare. Se fatta bene sarà il tuo faro nella nebbia e con la giusta flessibilità sarai in grado di adattarla ai tuoi bisogni aggiungendo contenuti, se necessario anche all’ultimo momento, ma con una base che ti da sicurezza. Non significa perdere spontaneità ma solo organizzare il lavoro per essere allineati con quello che è importante dire.
In rete ci sono migliaia di modi per pianificare, io ti consiglio di provarne un po’ e trovare quello che fa per te.

Personalmente io ho individuato una serie di strumenti digitali che fanno per me: le mappe mentali che adoro e mi permettono di visualizzare e fare brainstorming, Asana, un tool per il monitoraggio delle attività progettuali e un semplice calendario editoriale sulla suite di Google.
Ho iniziato da pochissimo a organizzarmi così, prima avevo tutto in testa e usavo dei banali taccuini di blocco note.
C’è chi adora le agende, chi utilizza le carte oracolo, ancora una volta penso non esista lo strumento perfetto, vale tutto basta che funzioni per te quindi non cercare il metodo universale, ma testa e trova ciò che fa per te.

La pianificazione è la naturale conseguenza dell’analisi fatta precedentemente sul tuo business (argomento su cui scriverò altri articoli, c’è molto da dire qui ti lascio solo qualche pillola) e una serie di domande e spunti che ti lascio per pensare alla tua comunicazione:

  • Pensa al tuo cliente, di che cosa devi parlargli per essere utile?
  • Come puoi raccontare quello che conosci bene e in cui sei davvero brava? Perché dovrebbe scegliere te?
  • Scrivi tutti gli argomenti che sono importanti per far conoscere al tuo cliente la tua offerta
  • Trova gli argomenti correlati, quelli che arricchiscono la tua comunicazione e la rendono di valore
  • Prepara un repository di fonti e idee da cui farti ispirare
  • Ascolta il tuo pubblico prima di tutto, fai domande, lascia spazio all’ascolto prima di parlare e raccogli quello che viene fuori in un post o in una storia
  • Dai valore, prepara contenuti davvero utili per il tuo cliente
  • Non essere troppo autoreferenziale, metti al centro i bisogni del tuo cliente, fagli sentire che sei interessato ai suoi problemi e puoi risolverli
  • Promuovi il lavoro di altri e co crea
  • Crea relazioni di fiducia

Cerca di essere utile con semplicità

Un ultimo consiglio: prima di pensare a strategie complicate fai affidamento alle cose pratiche: individua quello che funziona nella vita reale prima e portalo in rete. Ricordati che hai a che fare con persone, le stesse che prima o poi puoi incontrare dal vivo.

L’unica regola è preservare sempre la propria umanità, nella perfezione del suo essere imperfetta.

E tu senti di essere autentica nella tua comunicazione?
Fammelo sapere e se vuoi un confronto richiedi la prima consulenza gratuita per parlarne insieme.

Il percorso "Alla ricerca del mio brand"

Che cos’è il personal branding? L’unione della tua personalità, la tua missione e il problema che risolvi alle persone con il tuo lavoro. La tua storia, quello in cui credi, i tuoi talenti e come vuoi cambiare il mondo rappresentano il tuo marchio unico, quello per cui i clienti ti scelgono e amano.

Hai presente quando un dettaglio, un modo speciale di fare di una persona ti fa innamorare di lei? Anche un’imperfezione può essere affascinante perché unica e distintiva, la tua comunicazione si fa notare? Mi fa innamorare di te perché è speciale?

Prima di creare il tuo sito e la tua comunicazione è importante che tu conosca bene le tue motivazioni, perché hai scelto quella professione, qual è il tuo stile, chi è il tuo cliente ideale e come puoi farlo innamorare delle tue offerte.

Ti invito in questo viaggio di scoperta e di allineamento del tuo business a chi sei davvero, uscire dagli stereotipi e dalle etichette per trovare la tua unicità, il tuo metodo e la tua essenza e portarla nella tua comunicazione, in modo che sia distinguibile e di valore.

Se vuoi lavorare con me il mio percorso “Alla ricerca del mio brand” ti aspetta per accompagnarti a creare la tua presenza online allineata a te.

Il percorso dura 8 settimane e comprende un workbook, 4 skype call e un team di professionisti per lavorare su tutti gli aspetti della tua comunicazione.

Io sono pronta ad accompagnarti in questo bellissimo viaggio di creazione del tuo brand e a realizzare la vera te e tu?

TAGS:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

#list_24rq6em0x8 li{ color: #898989;}#list_24rq6em0x8 li:before{ color: #e5b1b3;} #list_g67ss3870w li{ color: #898989;}#list_g67ss3870w li:before{ color: #e5b1b3;} #separator_nmo .cata-sep-holder .cata-sep-line{ border-color: #eeeeee;} #cata_button_tmjisga8uk.cata-button{}#cata_button_tmjisga8uk.cata-button .cata-btn{color: #ffffff; background-color:#e49497}#cata_button_tmjisga8uk.cata-button .cata-btn:hover{color: #ffffff; background-color:#dfa1a3}